Home  › Territorio e sicurezza

Legittima la multa anche se tra la segnalazione e l'autovelox ci sono 4 chilometri

di Giampaolo Piagnerelli

È sbagliato pensare che l'autovelox sia sempre posizionato nelle immediate vicinanze del segnale che avvisa la presenza della macchinetta. Chi si mette al volante deve sapere che la macchinetta può ritrovarsela anche quattro chilometri dopo.

La decisione della Corte
La Cassazione, con la sentenza n. 7949/2017 di ieri, ha così dato ragione al Comune che ha elevato una multa per eccesso di velocità a un cittadino che ha superato i limiti previsti per il luogo di transito. L'automobilista ha proposto appello contro la sentenza del tribunale di Bolzano n. 572/2013 che per l'appunto sanciva la sua responsabilità benché la distanza tra il segnale e la macchinetta fosse circa di un 1,5 chilometri. Due i motivi di appello. Con il primo è stata eccepita la violazione degli articoli 200 e 201 del Codice della strada nonché dell'articolo 383, comma 1, del Regolamento Cds e insufficiente, illogica e contraddittoria motivazione, quanto alla mancata indicazione nel verbale della località ove sarebbe avvenuta l'infrazione. Nel ricorso «si assume che il punto di rilevazione “Ss 12 a Campodazzo al chilometro 453+350” non fosse rilevabile in base ai segnali di distanza metrici lapidei e non corrispondesse a un luogo accertabile dagli utenti della strada». Con il secondo motivo di ricorso è stata denunciata, invece, la violazione dell'articolo 142, comma 6 bis, del Codice della strada quanto alla postazione del preavviso del posto di controllo per il rilevamento della velocità.

La difesa del ricorrente
Secondo il ricorrente, una segnalazione posta a una distanza di 1.250 metri dal luogo di rilevamento rappresentava un preavviso inadatto per gli utenti della strada. La Cassazione ha rigettato i due motivi di ricorso in quanto non legittimata a riconsiderare nel merito la vicenda. Tuttavia i Supremi giudici hanno voluto richiamare precedenti decisioni di legittimità secondo cui i segnali stradali e dispositivi di segnalazioni luminosi devono essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità e in modo da garantirne il tempestivo avvisamento, in relazione alla velocità locale predominante.

Alcune osservazioni
Ora - secondo l'attuale normativa in materia - il segnale che indica la presenza della macchinetta può essere posizionato fino a quattro chilometri di distanza. Quest'ultima sembra eccessiva in funzione del fatto che sulla strada possono accedere anche auto provenienti da vie laterali che - avendo superato il segnale di preavviso - non possono essere a conoscenza della presenza dell'autovelox. Questione non di poco conto. Così come la norma sembra del tutto inadeguata quando non indica nemmeno una distanza minima tra il segnale e il rilevatore. Anche questo elemento lascia qualche perplessità in quanto (in mancanza di buon senso) segnale e rilevatore potrebbero essere posti a distanza ravvicinata senza che l'automobilista abbia modo di avere conoscenza della presenza del rilevatore e regolarsi di conseguenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA