osservatorio anci-ifel

Sisma centro Italia, chiarimenti su indennità e lavoro straordinario dal personale dipendente dei Comuni

a cura della redazione Anci

Con riferimento alle richieste di chiarimenti pervenute da parte dei Comuni colpiti dal sisma nel Centro Italia in ordine all'indennità omnicomprensiva e al lavoro straordinario reso dal personale dipendente dei Comuni, si riporta di seguito la nota di riscontro redatta dal supporto giuridico - amministrativo della Rappresentanza Anci Di.Coma.C, anche a seguito di confronti con le funzioni competenti della Di.Coma.C/Dipartimento Protezione Civile:

«Le indennità giornaliere di cui al comma 1, lettera a) dell'articolo 5 dell' Ocdpc n. 395 è da ritenere che non siano frazionabili o suscettibili di riduzioni. Ciò posto, si fa presente che il presupposto dell'erogazione dell' indennità giornaliera è subordinato all'accertamento del diretto impiego del personale nelle attività di assistenza e soccorso o nelle attività connesse all'emergenza.
Inoltre si specifica che la medesima indennità, per la sua stessa natura, non è subordinata al computo di un determinato numero di ore di lavoro straordinario da parte del personale preposto ad attività connesse all'emergenza in rassegna.
Qualora talune figure professionali, in relazione all'evolversi delle emergenza, siano stati impiegati saltuariamente nelle attività suddette, a parere della scrivente rappresentanza, è possibile corrispondere l'indennità solo per le giornate in cui l'attività svolta ha riguardato in modo prevalente le attività suddette.
Si ravvisa, tuttavia, la necessità che l'impiego del personale sia almeno pari all'ordinario orario di lavoro giornaliero, secondo quanto previsto dal proprio ordinamento di appartenenza. Il medesimo principio, peraltro, è stato enunciato dallo stesso Capo del Dipartimento della protezione civile nell'ambito delle indicazioni fornite per il riconoscimento della citata indennità operativa omnicomprensiva al personale dipartimentale impiegato in missione ai sensi della normativa in questione.
Ad ogni buon conto, si allega circolare prot. N. UC/TERAG 16/0014364 del 24.02.2017contenente le indicazioni operative fornite dal Capo del Dipartimento di Protezione Civile in ordine alla rendicontazione degli oneri per il personale direttamente impiegato in attività di assistenza e soccorso o in compiti e funzioni connessi all'emergenza.
A margine di quanto sopra esposto, si segnala che l'articolo 7 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 400 del 31 ottobre 2016, integra le disposizioni di cui all'articolo 2 dell'ordinanza 396/2016».


© RIPRODUZIONE RISERVATA