osservatorio anci-ifel

Sicurezza urbana, Decaro: «Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita»

di Redazione Anci

«I sindaci, presidio che i cittadini riconoscono e al quale si rivolgono in cerca di risposte, vogliono essere attori del cambiamento di questo Paese. Le norme per la sicurezza urbana, proposte dall'Anci e che il ministro dell'Interno Marco Minniti annuncia oggi (n.d.r. ieri), rafforzano i loro poteri, rivedendo i contorni dell'ordinanza sindacale, e riconoscono ai primi cittadini il ruolo di co-coordinatori della strategia di prevenzione e contrasto. È questa la direzione che indichiamo da tempo». Lo dichiara il presidente dell'Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, a proposito del piano per la sicurezza urbana. «L'alleanza tra governo e amministratori locali, in particolare in questa materia, è fondamentale per ottenere risultati».

I tre punti del piano
Il piano per la sicurezza urbana, che prenderà forma di decreto legge come l'Anci aveva chiesto, ha visto i sindaci impegnati direttamente. Tre i punti fondamentali che i sindaci si aspettano siano recepiti nelle nuove norme. Il primo: i patti per l'attuazione della sicurezza urbana, sottoscritti tra prefetto e sindaco, individuano gli interventi in materia di prevenzione della criminalità diffusa e predatoria e della promozione del rispetto della legalità e del decoro urbano. Il secondo: l'introduzione di un modello condiviso, tra Comune e prefettura, di governo della materia. Il terzo: l'ampliamento del potere di ordinanza sindacale. In particolare saranno adottabili tre forme di ordinanza sindacale: oltre a quella contingibile e urgente già prevista, il sindaco potrà disporre provvedimenti stabili nel tempo per limitare gli orari dei pubblici esercizi che vendono alcolici, a garanzia delle quiete pubblica, e assumere provvedimenti temporanei in materie diverse per assicurare la manutenzione in casi di grave incuria e offesa al decoro.

Il codice della strada
«Abbiamo chiesto una modifica del codice della strada, o direttamente nel decreto legge o in sede di conversione parlamentare – continua Decaro - perché per i parcheggiatori abusivi, in caso di reiterazione della violazione in un lasso di tempo di due anni, oltre alla sanzione amministrativa si possa prevedere l'arresto. Le nuove norme conterranno anche misure a tutela della sicurezza di particolari luoghi dall'esercizio della prostituzione, dal consumo di stupefacenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA