osservatorio anci-ifel

Terremoto, Decaro: «Segnali positivi e attenzione alle richieste dei Comuni»

di Redazione Anci

«Dalle prime notizie esprimiamo apprezzamento per le linee generali del nuovo decreto legge sul terremoto che, in attesa di leggerne i contenuti nel dettaglio, sembra recepire alcune richieste dell'Anci. Tra queste, in particolare, la facoltà per i Comuni di agire direttamente per il recupero del patrimonio storico artistico, unita a quella delle 350 assunzioni di personale a tempo determinato. Si tratta di misure necessarie per avviare una prima fase di normalità amministrativa, dare risposte ai sindaci e dare un segnale alle popolazioni colpite». Lo afferma il presidente dell'Anci, Antonio Decaro.

«Sulle altre richieste avanzate – prosegue Decaro - valuteremo come detto i contenuti del decreto e ci faremo promotori di ogni iniziativa utile a livello parlamentare per integrare eventualmente il testo. Allo stesso tempo ritengo opportuno rivolgere al Governo, al Capo Dipartimento della Protezione civile e al Commissario Errani la richiesta di un incontro urgente per verificare insieme quale può essere il contributo che il sistema dei Comuni può dare in modo ordinato e efficace e definire così le modalità di azione. La straordinaria solidarietà dei Comuni e dei sindaci è ancora una volta ragione di orgoglio. Voglio ricordare che i sindaci dei Comuni colpiti sono in prima linea e vanno sostenuti perché soprattutto da loro dipende la capacità di tenere unita la comunità in questo momento così tragico».

Leggi il comunicato stampa del 3 novembre sulla lettera di Decaro a De Vincenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA