Home  › Territorio e sicurezza

Impianti sportivi nelle periferie urbane: i primi 7 interventi con il fondo da 100 milioni

di Roberta Giuliani

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Piscine, stadi, palazzetti, centri e poli sportivi: in pista sette strutture per avviare il potenziamento degli impianti delle periferie urbane con i 100 milioni di euro stanziati dal Governo per il triennio 2015-2017. Il Coni ha presentato alla Presidenza del Consiglio dei ministri il piano dei primi interventi urgenti da finanziare con il fondo «Sport e Periferie» previsto dall'articolo 15 del Dl 25 novembre 2015 n. 185 per incrementare l'attività sportiva agonistica nazionale e sviluppare la cultura nelle aree svantaggiate «con l'obiettivo di rimuovere gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza».

I primi interventi
Con lo stanziamento gestito dal Coni di 20 milioni nel 2015, 50 milioni nel 2016 e 30 milioni nel 2017, si legge in un comunicato di «#italiasicura», Comuni e Province potranno «realizzare o ristrutturare palestre o altri impianti utilizzabili anche dalle scuole». Intanto si parte con i primi sette: Milano, Lorenteggio (Piscina Cardellino), Roma, Corviale (Palazzetto dello Sport), Roma, Ostia (Stadio Giannattasio), Barletta (Pista Pietro Mennea), Napoli, Scampia (Centro sportivo Boscariello), Reggio Calabria (Polo sportivo Piazza della Pace), Palermo, Zen (Palazzo dello Sport).

Il fondo
Il Coni dopo la presentazione del piano dei primi interventi deve presentarne un altro pluriennale, che potrà essere rimodulato entro il 28 febbraio di ciascun anno. Il Fondo potrà finanziare gli interventi di ricognizione, realizzazione, rigenerazione, completamento, adeguamento di impianti sportivi per l'attività agonistica nazionale e internazionale, nonché attività e azioni finalizzate alla presentazione e alla promozione della candidatura di Roma 2024.
Per realizzare gli interventi previsti dal piano sarà possibile utilizzare le procedure semplificate stabilite dalla legge di stabilità 2014 (articolo 1 comma 304 della legge 147/2013).
Gli interessati dovranno inviare la documentazione delle opere da realizzare all'indirizzo all'indirizzo mail del Comitato regionale Coni di appartenenza e per conoscenza all'indirizzo mail sporteperiferie@coni.it. Per approfondimenti su procedure e scadenze ci si potrà rivolgere al Coni nazionale o ai Comitati regionali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA