osservatorio anci-ifel

Ddl mercato e concorrenza: sì all'impianto generale ma vanno approfonditi alcuni temi

di Redazione Anci

Si svolgerà oggi in Commissione industria del Senato, l'audizione dell'Anci sul disegno di legge annuale per la concorrenza e il mercato. Nel documento, l'Associazione esprimerà una valutazione sostanzialmente positiva sull'impianto generale della legge, che dopo molti anni viene presentato sotto forma di disegno di legge annuale, recependo le indicazioni dell'Autorità Garante per la concorrenza e il mercato e contenendo misure incisive rispetto alla creazione del substrato giuridico per assicurare una maggiore competitività dei territori, dunque del Paese. Nel merito, l'Associazione, pur evidenziando che il disegno di legge contiene forme di semplificazione amministrativa in settori di forte impatto per il sistema dell'Autonomie Locali richiama tuttavia l'attenzione anche su alcune disposizioni meritevoli probabilmente di maggior approfondimento rispetto alle aree di intervento di interesse per i Comuni e le Città Metropolitane.

I correttivi
Il documento che verrà consegnato dunque in Commissione nel pomeriggio di oggi contiene la richiesta di alcune misure correttive del provvedimento. In particolare, nell'ambito della riforma del bonus elettrico e gas, viene proposta l'erogazione diretta agli aventi diritto della compensazione - da parte del vigente sistema nazionale utilizzato dai Comuni - su conto corrente/carta di credito ovvero altro strumento di moneta elettronica utile a tal fine per gli aventi diritto. Inoltre l'Associazione, sul tema dell'accesso al mercato per la gestione autonoma degli imballaggi da parte dei produttori, valuta positivamente il ruolo di terzietà affidato all'Ispra, ritenendo però che si debba prevedere il ristoro degli oneri versati dai produttori ad esito positivo della nuova procedura nella legge e che i sistemi riconosciuti autonomi debbano sottoscrivere Accordi operativi con Anci. Ciò al fine di assicurare il ritiro del materiale e garantire l'operatività del servizio in maniera adeguata ed omogenea sul territorio nazionale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA