Home  › Territorio e sicurezza

Rifiuti, i centri comunali fulcro della raccolta differenziata

di Rosa Clemente

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

I centri di raccolta comunali e intercomunali sono aree presidiate e allestite dove vengono accumulati i rifiuti urbani "mediante raggruppamento differenziato per frazioni omogenee conferiti dai detentori per il trasporto agli impianti di recupero e trattamento". Questa la definizione contenuta nell'articolo 183, comma 1, lettera bb) del Dlgs 152/2006, che quindi esclude qualsiasi tipo di trattamento come lo smontaggio, la triturazione o la miscelazione.
I centri di raccolta devono essere realizzati e gestiti in base al Dm Ambiente dell'8 aprile 2008, che elenca anche i rifiuti conferibili e i soggetti che possono portarli. Inoltre, devono rispettare la normativa urbanistica ed edilizia e il Comune territorialmente competente deve darne comunicazione alla Regione e alla Provincia. Tocca al Comune, comunque, disciplinare la gestione dei rifiuti urbani, compresi quelli raccolti nei centri, attraverso un regolamento specifico.

L'obiettivo
Scopo della realizzazione dei centri è agevolare l'incremento dei livelli di raccolta differenziata e di raggiungere su tutto il territorio nazionale gli obiettivi fissati dalla legge. Pertanto anche norme di settore più specifiche, come il Dlgs 49/2014 (Decreto sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), all'articolo 12, comma 1, lettera a) invita i Comuni ad assicurare l'accessibilità ai relativi centri di raccolta, per permettere ai detentori finali, ai distributori, agli installatori e ai gestori dei centri di assistenza tecnica di conferire gratuitamente i Raee prodotti nel loro territorio. Per i Comuni che non hanno allestito un centro di raccolta idoneo a ricevere i Raee è obbligatorio sottoscrivere una convenzione con un Comune che ne è provvisto.
I centri di raccolta possono essere gestiti direttamente dal Comune o da altri soggetti provvisti di iscrizione all'albo nazionale gestori ambientali (articolo 212 del Dlgs 152/2006) nella sottocategoria 1 "Gestione centri di raccolta".


© RIPRODUZIONE RISERVATA