Home  › Sviluppo e innovazione

Anpr: una svolta significativa - Altri enti si aggiungono alla lista dei subentri

di Laura Petroccia (*) - Rubrica a cura di AssoSoftware

In questi ultimi sei mesi, altri 39 Comuni, con una popolazione totale di 1.035.425 abitanti, sono passati a utilizzare Anpr, la banca dati nazionale, istituita dal ministero dell'Interno, e promossa dall'Agenzia per l'Italia Digitale e Sogei.
Grazie al supporto delle software house che hanno seguito i proprio clienti nella delicata fase di bonifica e di sperimentazione del sistema e al contributo del team di Governo, che sta coordinando il progetto nazionale, a oggi in totale sono 49 i comuni subentrati, con una popolazione di 1.269.364 abitanti. Questi ultimi mesi hanno mostrato una significativa accelerazione del progetto, segno che il sistema adottato per il subentro ha avuto un decisivo miglioramento.
Dal punto di vista tecnico, il collegamento in Anpr avviene, per la quasi totalità dei casi, tramite webservice in modo che, direttamente dal proprio software gestionale, gli operatori possano agevolmente dialogare con la nuova banca dati nazionale senza alcuna modifica dell'interfaccia di lavoro e, quindi, senza particolari interventi formativi né appesantimenti dell'operatività degli addetti all'anagrafe.
I 39 Comuni che si sono aggiunti, spaziano dalle fasce più piccole a quelle sopra i 50.000 abitanti, come Modena, Ravenna, Lucca, Altamura, Acerra e Faenza.
Anpr rappresenta un passaggio fondamentale nell'ambizioso progetto promosso dall'Agid per ridisegnare i processi attraverso cui la stessa pubblica amministrazione si relaziona con i cittadini. Tra gli enti citati, Faenza ha partecipato ai lavori del gruppo dei comuni sperimentatori sin dalla fine del 2014 e, dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, con un nuovo passo verso la digitalizzazione dei processi amministrativi, sarà il punto di riferimento per il passaggio di tutta l'Unione della Romagna Faentina.

Un percorso ancora lungo
Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi comune italiano già presente in Anpr e non più esclusivamente in quello di residenza; in futuro i cittadini potranno inoltre collegarsi direttamente online ad Anpr per richiedere certificati e informative.
Inoltre ogni cittadino potrà ricevere al proprio indirizzo di posta elettronica certificata tutte le comunicazioni delle pubbliche amministrazioni.
Al momento sono oltre 1.000 i comuni in pre-subentro, coinvolgendo una popolazione di oltre 7 milioni di persone. Per arrivare alla totale copertura dei Comuni, il processo però è ancora lungo.

Arrivano contributi agli enti per il passaggio ad Anpr nel 2018
Grazie all'intervento costante delle associazioni di categoria, come AssoSoftware, che rappresentano le aziende produttrici di software gestionale, si è creata una sinergia tra pubblico e privato che ha portato a una collaborazione partecipativa delle aziende, del team di Governo e di Sogei. Le istituzioni hanno compreso che l'innovazione comporta investimento e sono stati stanziati oltre 14 milioni di euro, da distribuire agli enti che realizzeranno il subentro entro il 2018.
Una delle criticità, infatti, per i Comuni è rappresentata dalla scarsità di risorse economiche.
Le informazioni per accedere al contributo sono indicate nel sito della Funzione Pubblica www.funzionepubblica.gov.it.
Secondo il bando, tutti i Comuni italiani che non abbiano completato la migrazione ad Anpr alla data di pubblicazione (5 dicembre) sono ammessi ai contributi. L'importo da assegnare varia da 1.000 a 7.000 euro in base alle dimensioni del Comune e sarà corrisposto dopo il subentro, attraverso una procedura semi automatica.
Auspichiamo che per i 27 Comuni che sono subentrati prima del 5 dicembre e che hanno reso possibile con il loro lungo operato, assieme alle loro software house, l'efficientamento del modello di subentro, siano stanziati dei contributi significativi per il 2018, in modo da poter proseguire nella messa a punto del sistema e accelerare ulteriormente l'avvio di tutti i Comuni.

(*) Consigliere di AssoSoftware con delega per il settore Pubblica Amministrazione e Enti Locali

Le precedenti uscite di Enti locali Software

Anpr: una svolta significativa - Altri enti si aggiungono alla lista dei subentri di Laura Petroccia Consigliere di AssoSoftware con delega per il settore Pubblica Amministrazione e Enti Locali

Spid, da AssoSoftware una proposta per accelerare di Roberto Bellini, Direttore Generale AssoSoftware

Anagrafe nazionale: è ora di fare squadra di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Arconet, una sinergia tra pubblico e privato che funziona di Laura Petroccia, Consigliere di Assosoftware con delega per il settore Pubblica Amministrazione e Enti Locali

Rottamazione cartelle Equitalia: anche il software dà una mano di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

PagoPa: attenzione ai progetti a metà che limitano il dialogo tra tutti i sistemi di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anagrafe nazionale della popolazione residente: Sogei e Assosoftware ripartono insieme di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

PagoPa un tassello fondamentale dell'ecosistema digitale di Monica Rollandi, Comitato tecnico AssoSoftware area enti locali

Trasmissione dei bilanci armonizzati alla Bdap: imboccata la strada giusta ma si può migliorare di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Le Province della Sardegna spariscono, anzi si trasformano di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anpr e grandi progetti strategici dell'agenda digitale: un'occasione di collaborazione tra pubblico e privato di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Contabilità armonizzata: una corsa contro il tempo per Comuni e aziende di Laura Petroccia, Consigliere di Assosoftware con delega per il settore Pubblica amministrazione e Enti locali

Gli enti alle prese con gli acquisti Ict in attesa del piano triennale di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Pubblico impiego, flussi previdenziali e contributivi alla ricerca di una stabilità di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anusca e Assosoftware insieme per l'avviamento di Anpr di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Siope+ e i pagamenti elettronici: un altro passo verso la digitalizzazionedella Padi Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Il principio «once only» filosofia o realtà? di Monica Rollandi Pa Digitale Spa, Comitato tecnico AssoSoftware

Collaborazione applicativa: così il driver per semplificare l'attività degli operatori delFisco di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Il cittadino al centro del rapporto con la pubblica amministrazione: il contributo della digitalizzazione di Monica Rollandi Pa Digitale Spa, Comitato tecnico AssoSoftware

Misure minime di sicurezza Agid per la Pa: prossime scadenze e adempimenti di Roberto Obialero, Ads Automated Data Systems, Comitato tecnico AssoSoftware

Luci e ombre del Piano triennale per l'Ict nella pubblica amministrazione di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Siope+: tutto pronto per la sperimentazione in partenza il 1° luglio di Laura Petroccia, ADS Automated Data Systems

Debito informativo: è possibile omogeneizzare i dati e le modalità di interscambio di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Incontro con il «Team Digitale»: costruire insieme la nuova Pa del futuro di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Protezione dei dati personali: a 10 mesi dall'avvio del Gdpr è ancora possibile adeguarsi con le informazioni giuste di Antonio Campodipietro, Ads Automated Data Systems - Comitato tecnico AssoSoftware

L'Agenda digitale della Pa: un primo bilancio dei progetti in corso di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Regione Emilia Romagna: eccellenza informatica pubblica, quasi privata di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware


© RIPRODUZIONE RISERVATA