osservatorio anci-ifel

Solidarietà, Anci e Acri uniscono gli sforzi per il Burkina Faso

a cura della redazione Anci

Le Fondazioni associate ad Acri potenziano la loro azione di sviluppo a supporto del Burkina Faso grazie al contributo dei Comuni italiani, rappresentati dall'Anci. I Presidenti delle due Associazioni, Giuseppe Guzzetti per Acri e Antonio Decaro per Anci, hanno, infatti, siglato un protocollo d'intesa in base al quale i Comuni italiani supporteranno i Comuni del Burkina Faso per potenziare l'implementazione del progetto promosso da Acri «Fondazioni for Africa – Burkina Faso».

L’accordo
La collaborazione dei Comuni italiani ha lo scopo di rafforzare il coinvolgimento responsabile del livello di governo locale del Burkina Faso nei processi di sviluppo territoriale. L'intesa tra Acri e Anci mira infatti a favorire il collegamento tra la programmazione dei governi locali del Burkina Faso e le azioni di «Fondazioni for Africa», intese a garantire un migliore accesso al cibo in quel Paese, un maggiore riconoscimento del ruolo delle donne e della loro parità di diritti, la creazione di nuove e maggiori opportunità di lavoro. Un più stretto collegamento di queste azioni con le politiche locali potrà garantire maggiori possibilità alla loro sostenibilità nel tempo.

Un matching-fund innovativo
La collaborazione tra Acri e Anci si basa sull'attivazione di un matching-fund innovativo: ovvero, alle risorse economiche messe a disposizione da Acri in quest'azione di cooperazione internazionale si affiancheranno le risorse umane, finanziariamente equivalenti, messe a disposizione dai Comuni italiani e dall'Anci tramite la metodologia «Funzionari senza frontiere». Le competenze italiane verranno messe a disposizione dei funzionari burkinabè grazie al rafforzamento della collaborazione già avviata tra l'Anci e l'Associazione dei Comuni del Burkina Faso (Ambf).
Mettendo a sistema le molteplici relazioni di cooperazione sviluppatesi fra Comuni italiani e Comuni del Burkina Faso negli ultimi 20 anni, si potranno estendere le best practice alla pluralità delle amministrazioni locali di quel Paese, contribuendo così all'efficientamento del recente decentramento amministrativo, esteso su tutto il territorio del Burkina Faso solo dal 2004.


© RIPRODUZIONE RISERVATA