osservatorio anci-ifel

Urbact III, le migliori esperienze urbane europee al centro del nuovo bando e della Giornata nazionale del programma

di Simone d'antonio

Le esperienze di successo nel campo dell'innovazione urbana costituiscono un biglietto da visita importante per le amministrazioni locali che intendono qualificare la propria presenza internazionale inserendosi in reti e contesti capaci di passare dalle azioni alle politiche, elemento chiave per l'implementazione dell'Agenda urbana europea.

Il nuovo bando
Il nuovo bando per buone pratiche lanciato da Urbact il 5 dicembre punta proprio alla valorizzazione delle migliori pratiche urbane realizzate da città europee di ogni dimensione e su qualunque tema di interesse urbano, con l'obiettivo di creare un database di esperienze di eccellenza nel campo dello sviluppo urbano sostenibile che potranno essere trasferite dalla città che l'ha realizzata ad altre città follower. Mentre tale azione di replica sarà al centro del bando per Transfer Network, in uscita a settembre 2017, fino al 31 marzo 2017 sarà invece possibile candidare azioni e iniziative di particolare rilievo per orientare il dibattito urbano europeo verso progetti concreti che hanno già mostrato sui territori i loro effetti positivi in termini di rilevanza e potenziale di replicabilità.

Le novità
Le esperienze selezionate saranno promosse non solo tra la comunità di amministratori e funzionari locali delle città già partecipanti al principale programma sullo sviluppo urbano sostenibile ma anche tra reti di città attive in Europa e coinvolte nei gruppi di lavoro dell'Agenda urbana europea. Per la prima volta nella storia del programma, Urbact contribuisce a rafforzare l'immagine internazionale delle città con progetti di eccellenza, fornendo gli strumenti finanziari e metodologici per replicare tali forme di innovazione in altre aree d'Europa. Un'opportunità importante anche per l'Italia, dove molte esperienze di valore sono emerse negli ultimi anni non solo grazie alla partecipazione a programmi come Urbact ma anche grazie all'impegno quotidiano e costante delle amministrazioni locali sui temi di maggiore interesse.

La giornata nazionale
Dalla Food policy di Milano ai Patti di collaborazione civica di Bologna fino alle strategie social e smart city di Lecce e Siracusa: da Nord a Sud sono sempre di più le esperienze che contribuiscono a riposizionare le città italiane nello scenario europeo dell'innovazione urbana. I nuovi bandi di Urbact e Urban Innovative Action e l'impatto di tali programmi per la crescita di forme di governance partecipata e più in generale per alimentare in Italia un dibattito di stampo europeo sulle politiche urbane saranno i temi principali al centro del National Urbact Day organizzato dall'Anci e dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il 14 dicembre presso la sede Anci di Via dei Prefetti. Rafforzare la creazione di reti e relazioni fra città italiane impegnate nella promozione di progetti e azioni innovativi su una pluralità di temi è l'obiettivo del dialogo istituzionale promosso su scala nazionale e regionale dal National Urbact Point per rendere Urbact e Urban Innovative Action un esempio positivo di come la partecipazione a programmi europei possa davvero contribuire a favorire un'innovazione diffusa nei contesti amministrativi locali e territoriali. Per partecipare alla giornata nazionale del programma Urbact è necessario iscriversi al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-national-urbact-day-29819678461.


© RIPRODUZIONE RISERVATA