osservatorio anci-ifel

Giovani: al via 14 progetti per la rigenerazione urbana, disponibili 3 milioni di euro

di Redazione Anci

Sono 14, su poco meno di 70 presentati da altrettanti Comuni, i progetti ammessi a finanziamento sull'Avviso pubblico «Giovani RiGenerAzioni Creative», promosso da Anci e finanziato dal dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei ministri, con l'obiettivo di sviluppare progetti comunali di rigenerazione urbana per lo sviluppo della creatività giovanile, rivolti e gestiti da giovani under 35.

Gli interventi
Si tratta complessivamente di finanziamenti per quasi 2,5 milioni di euro, che arrivano a 3 considerando la quota di cofinanziamento locale, e che permetteranno di sviluppare interventi di politiche giovanili legati a iniziative di rigenerazione di spazi urbani (edifici e/o aree pubbliche) che hanno visto esaurirsi in tempi recenti la loro originaria destinazione d'uso e funzione economica, sociale e culturale. I progetti ammessi a finanziamento riguarderanno processi di innovazione culturale, sociale ed economica che, attraverso percorsi condivisi con la comunità, le associazioni locali e i giovani beneficiari coinvolti, contribuiranno a ridisegnare il profilo produttivo ed urbano degli spazi individuati come oggetto di intervento, scommettendo sulla creatività giovanile come volano in grado di produrre e accelerare ricadute produttive ed economiche sul tessuto delle comunità locali.
«Il Fondo nazionale per le Politiche Giovanili continua a svolgere un ruolo fondamentale per promuovere le azioni di supporto a sostegno delle iniziative giovanili – dichiara Calogero Mauceri, capo dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Grazie agli accordi di collaborazione stipulati con Anci, ogni anno riusciamo a finanziare progettualità che, a livello locale, costituiscono delle eccellenze e rappresentano degli esempi che altre amministrazioni possono seguire e migliorare ulteriormente».
Questa iniziativa, in particolare, ha un duplice scopo: riqualificare immobili e spazi pubblici in stato di abbandono o parzialmente utilizzati inserendoli in un progetto di sviluppo territoriale o di zona; mettere a disposizione di giovani talenti luoghi facilmente accessibili – in termini di costi – per produrre e presentare opere e performance innovative e originali, condividendo conoscenze e stili con altri artisti.

Le nuove politiche giovanili
Il progetto può rappresentare inoltre una opportunità per i giovani sia in termini di "professionalizzazione" per alcune specifiche attività, sia in termini di incremento dell'attrattività del territorio, come già riscontrato in analoghe iniziative, e può favorire la partecipazione dei giovani ai programmi urbanistici di riqualificazione posti in essere dalle amministrazioni locali.
Per Veronica Nicotra, segretario generale dell'Anci, «con l'Avviso Giovani Rigenerazioni Creative abbiamo chiesto ai Comuni di innovare fortemente il loro approccio alle politiche giovanili, legando le azioni immateriali con le politiche locali di rigenerazione urbana, nella convinzione che questo rappresenti un modo per rendere i giovani protagonisti dello sviluppo, o della rinascita, delle proprie città. Vista la qualità delle proposte arrivate, non possiamo che dirci molto soddisfatti della risposta, considerando che, oltre a quelli che verranno finanziati, molti altri avrebbero meritato di essere supportati; pertanto lavoreremo per provare a estendere il sostegno finanziario».
I Comuni ammessi a finanziamento per la Linea di intervento «Progetti presentati da Comuni con popolazione residente uguale o superiore a 15.001 abitanti» sono Ascoli Piceno, Bari, Belluno, Bologna, Ferrara, Lucca, Mantova, Perugia, Pesaro e Reggio Emilia. I Comuni ammessi a finanziamento per la Linea di intervento «Progetti presentati da Comuni con popolazione residente fino a 15.000 abitanti» sono Blera (Vt), Calimera (Le), Novello (Cn) e Stella Cilento (Sa). I progetti avranno una durata massima di 18 mesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA