Home  › Sviluppo e innovazione

«Cresco award», Comuni sostenibili in prima pagina - Candidature entro il 15 settembre

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Tutti i Comuni italiani possono candidare al «Cresco award Città Sostenibili» le iniziative realizzate per rendere più sostenibile il territorio e migliorare la qualità della vita delle persone che lo abitano.
Le candidature possono essere inviate attraverso la piattaforma digitale http://crescoaward.ideatre60.it entro le ore 13.00 di giovedì 15 settembre 2016.
Il Bando del «Cresco award» contiene tutte le informazioni utili ai Comuni per preparare e inviare le candidature.
L'obiettivo del «Cresco award Città Sostenibili» è valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani e premiare le iniziative più efficaci nel promuovere in modo diffuso lo sviluppo sostenibile dei territori.
L'iniziativa è realizzata da Fondazione Sodalitas, l'organizzazione italiana di riferimento per la Sostenibilità d'Impresa, con Anci-Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.
I Comuni vincitori del Cresco award verranno premiati il 13 ottobre a Bari, durante il Congresso annuale di Anci.

Le categorie del Cresco award
Il Cresco award verrà assegnato ai migliori progetti sostenibili realizzati dai Comuni in 3 categorie:
1. SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE
• Gestione del territorio
• Controllo dell'inquinamento
• Gestione dei rifiuti
• Gestione dei consumi energetici
2. SOSTENIBILITÀ SOCIALE
• Educazione alla sostenibilità e sviluppo culturale
• Inclusione sociale e integrazione
• Gestione beni comuni
• Semplificazioni per il cittadino
3. SOSTENIBILITÀ ECONOMICA
• Sostegno all'imprenditorialità e al lavoro
• Sviluppo economico del territorio
• Efficientamento delle strutture amministrative
• Nuova economia collaborativa

In ognuna di queste 3 categorie, il Cresco award verrà assegnato a:
• Comuni o Unioni/Raggruppamenti tra Comuni con più di 50.000 abitanti
• Comuni o Unioni/Raggruppamenti tra Comuni con meno di 50.000 abitanti.
Le candidature al Cresco award saranno valutate da una giuria indipendente e multistakeholder presieduta dal Rettore del Politecnico di Milano criteri di utilizzo sostenibile delle risorse, innovatività, coinvolgimento della comunità, partnership, misurabilità dei risultati, ricaduta sul territorio, trasferibilità e scalabilità.

I premi impresa
Inoltre, nell'ambito del Cresco award, saranno assegnati 10 premi impresa istituiti da aziende leader di mercato e aderenti a Fondazione Sodalitas:
• Premio Abb «Il Comune più Smart»
• Premio Bracco «Salute Sostenibile»
• Premio Dnv gl Business Assurance «Economia circolare e condivisa»
• Premio Enel «L'innovazione sostenibile dei servizi energetici in ambito urbano»
• Premio Mapei «Tecnologia e materiali a salvaguardia dell'ambiente e della sostenibilità sociale»
• Premio Pirelli «Mobilità sostenibile»
• Premio Siemens «Sostenibilità energetica degli edifici»
• Premio Sodexo «Alimentazione sostenibile e riduzione dello spreco»
• Premio Stmicroelectronics «Smart Kids for Smart Cities»
• Premio Unicredit «Imprenditorialità ed occupabilità giovanile»

Perché il Cresco award
Secondo l'Osservatorio Nazionale Smart City di Anci, i Comuni italiani investono già oggi sul fronte della Sostenibilità 3,7 miliardi di euro per realizzare 1.300 progetti che coinvolgono 15 milioni di cittadini. È già molto, ma non basta.
Rendere i territori sostenibili, inclusivi e quindi in grado di offrire una migliore qualità della vita alle persone che li abitano, è infatti un obiettivo-chiave di sviluppo che sollecita l'impegno diffuso di istituzioni, imprese e società civile
Lo chiedono anche le grandi istituzionali: come l'Onu, che include nei recenti Sustainable Development Goals l'obiettivo di «rendere le città e gli insediamenti inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili».
E sono gli stessi cittadini mostrarsi sempre più sensibili verso la sostenibilità del territorio in cui vivono.
Secondo i più recenti dati GfK, il 90% degli italiani appare consapevole dell'importanza di contribuire allo sviluppo sostenibile dei territori. E l'82% di loro indica nelle amministrazioni locali, che si collocano al secondo posto dopo il Governo, i soggetti chiamati a impegnarsi per raggiungere questo obiettivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA