osservatorio anci-ifel

Al via la collaborazione tra Anci e Tivùsat

di Mauro Savini (*)

Anci e tivùsat - la piattaforma satellitare gratuita italiana - hanno avviato da qualche mese una collaborazione, formalizzata mediante un protocollo d'intesa, per promuovere la conoscenza del ruolo che tivùsat può avere nel garantire la migliore ricezione della programmazione televisiva gratuita nei territori dove il segnale televisivo digitale terrestre non arriva nella sua completezza. Tivùsat è una piattaforma gratuita, nata per diffondere tutti i canali del digitale terrestre e numerosi altri canali internazionali anche nelle aree difficilmente raggiunte dal segnale digitale terrestre.

La situazione sul territorio
Ancora oggi, infatti, un numero significativo di Comuni, soprattutto delle aree più interne, non è raggiunto, totalmente o comunque in maniera significativa, dal segnale digitale terrestre. Questo genera ovviamente un forte disagio da parte della popolazione, che viene privata dell'accesso a un servizio pubblico. Ad essere colpita, vista anche la situazione demografica tipica di queste aree, è soprattutto la popolazione anziana, che nella tv generalista trova spesso un importante mezzo di compagnia. Per questo motivo, Anci ha ritenuto utile definire con tivùsat un accordo che mettesse nelle condizioni i Comuni interessati di far conoscere adeguatamente ai propri cittadini le modalità per risolvere tale problema.
Le attività previste sono di tipo informativo, e si sostanziano nella realizzazione di attività di comunicazione via web e nella produzione di materiali di comunicazione attualmente in distribuzione presso le sedi delle Anci regionali e per loro tramite ai Comuni, con particolare riferimento a quelli ricadenti nelle aree dove il segnale televisivo digitale terrestre non arriva, è interferito o non arriva nella sua completezza.

Il test in Emilia Romagna
Oltre a questa attività avviata a livello nazionale, da inizio febbraio sta partendo un'attività test in alcuni Comuni (vedi elenco allegato) emiliano-romagnoli delle Province di Forlì-Cesena, Reggio Emilia, Modena e Parma. Al fine di contribuire a risolvere tale criticità tivùsat, nell'ambito del protocollo d'intesa stipulato con Anci, ha definito con le associazioni e network di installatori locali una convenzione con prezzi standard calmierati, della quale potranno beneficiare i cittadini di questi Comuni che intendano procedere all'installazione della parabola satellitare per la ricezione della programmazione televisiva gratuita.
Con l'obiettivo di promuovere questa opportunità presso i cittadini, in questi giorni tivùsat sta inviando presso i Comuni dell'area test del materiale informativo che illustra le modalità e le condizioni per utilizzare le agevolazioni previste. Le amministrazioni sono dunque invitate a informare i propri cittadini relativamente a questa opportunità, utilizzando il materiale informativo messo a disposizione nelle forme che riterranno più opportune. In base ai risultati di questo primo test, che avrà la durata di quattro mesi, tivùsat e Anci verificheranno in futuro la possibilità di estendere l'attività di convenzionamento con gli installatori locali in altre aree del Paese interessate dal problema della ricezione del segnale digitale terrestre, supportando i Comuni nell'attivazione di iniziative di sensibilizzazione alla cittadinanza.

(*) Area Innovazione tecnologica, Attività produttive, Cultura e Turismo, Politiche giovanili, Mobilità, Energia, Progetti europei Anci


© RIPRODUZIONE RISERVATA