Home  › Sviluppo e innovazione

PagoPa: entro il 31 dicembre adesione obbligatoria al nodo dei pagamenti

di Roberta Giuliani

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Restano solo due mesi per mettersi in regola con il sistema dei pagamenti elettronici: entro la fine dell'anno le Pa dovranno aderire alla piattaforma nodo dei pagamenti e programmare le attività di implementazione dei servizi. Rispettare la scadenza è obbligatorio, ricorda l'Agid con un comunicato, perché in base al piano della crescita digitale le 70mila istituzioni coinvolte dovranno completare l'attivazione dei servizi entro la fine del 2016.
PagoPa, nato per dare la possibilità a cittadini e imprese di effettuare qualsiasi pagamento verso le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi di pubblica utilità in modalità elettronica, rientra nella strategia del governo di ridurre i costi e uniformare i servizi agli utenti. Il sistema permette infatti di scegliere liberamente il prestatore di servizio, gli strumenti di pagamento e il canale tecnologico preferito, mentre consente alle pubbliche amministrazioni di velocizzare la riscossione dei crediti.

Aggiornamento delle linee guida
Il Nodo dei pagamenti-SPC, operativo dal giugno 2012 e obbligatorio per tutte le Pa, è stato realizzato dall'Agid per assicurare l'interoperabilità tra le pubbliche amministrazioni e i prestatori di servizi di pagamento (PSP), mentre regole e modalità di effettuazione dei pagamenti elettronici sono state definite, sempre dall'Agenzia, con le Linee guidache sono periodicamente aggiornate per tener conto delle innovazioni tecnologiche. Con la determinazione n. 103/2015 di metà ottobre, sono state adottate le nuove versioni delle specifiche attuative dei codici identificativi di versamento, riversamento e rendicontazione (Allegato A) e del Nodo dei Pagamenti-SPC (Allegato B). Marca da bollo digitaleacquistabile online che consente l'informatizzazione dell'intero processo amministrativo e MyBank che permette agli utenti di pagare le Pa usando il proprio conto corrente, sono tra le novità introdotte nelle ultime specifiche attuative insieme a WISP, Wizard interattivo per la scelta del PSP e Porta di dominio equivalente (per la connessione semplificata a pagoPA degli enti creditori ).
Per agevolare la diffusione del sistema pagoPa, l'Agid ha già effettuato vari incontri con città metropolitane e grandi Comuni, regioni e amministrazioni centrali mentre sono programmate altre riunioni con le associazione di categoria, i prestatori di servizi di pagamento e gli operatori Ict.


© RIPRODUZIONE RISERVATA