osservatorio anci-ifel

Scuola: al via l'avviso pubblico per le infrastrutture di rete Lan/Wlan

di Federica Demaria

Il ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca ha emanato nei giorni scorsi l'avviso pubblico rivolto alle istituzioni scolastiche per la realizzazione, l'ampliamento o l'adeguamento delle infrastrutture di rete Lan (Local area network)/Wlan (Wireless local area network).
Su richiesta dell'Anci, il bando, importante per promuovere livelli di apprendimento, ha previsto, tra le modalità di partecipazione, che le istituzioni scolastiche debbano produrre, ai fini dell'ottenimento del finanziamento: «documento attestante l'acquisizione, da parte dell'ente locale proprietario dell'edificio, dell'autorizzazione alla realizzazione o all'ampliamento dell'infrastruttura e dei punti di accesso alla rete Lan/Wlan ovvero dichiarazione da parte dell'istituzione scolastica di aver comunicato all'ente locale proprietario dell'edificio scolastico l'intenzione di aderire al presente Avviso. Si rappresenta che l'autorizzazione da parte dell'ente locale proprietario deve comunque essere acquisita dall'istituto scolastico e dimostrata prima dell'avvio del progetto».

Le priorità dei Comuni
Un'indicazione sostanziale affinché le scuole condividano con l'ente locale proprietario (Comuni per le inferiori e Provincia per le superiori) il progetto che proporranno a finanziamento.
Riduzione del digital divide, innovazione del processo analogico di apprendimento e insegnamento e investimenti infrastrutturali per la connettività e per la disponibilità di adeguate dotazioni tecnologiche all'interno delle scuole e verso l'esterno sono priorità per l'Associazione dei Comuni.
Informazioni e know how costituiscono, infatti, una risorsa preziosa capace di modificare i flussi del valore e dell'economia e il possesso delle competenze digitali è una delle condizioni per dare concretezza a una "comunità intelligente" e per garantire livelli adeguati di inclusione sociale e digitale.
Le politiche di indirizzo dell'Unione europea individuano nel potenziamento degli ambienti scolastici con dispositivi e tecnologie adatte a diffondere modelli didattici innovativi legati all'uso delle Tic e dei nuovi linguaggi, uno dei fattori determinanti per una cittadinanza attiva e in linea con tali politiche.
Il Miur ha quindi intensificato gli interventi diretti a sollecitare le comunità scolastiche a ripensare lo spazio, il tempo e il modo dell'insegnamento e dell'apprendimento e, con questo Avviso, cerca di fornire risposte al sistema scuola coerentemente con la legge «Buona Scuola», che promuove la cosiddetta «Education in a digital era» il cui punto di partenza è rappresentato dall'accesso alla rete e dalla disponibilità in tutti gli ambienti scolastici di tale capacità di accesso.
L'avviso offre, pertanto, alle istituzioni scolastiche la possibilità di realizzare, ampliare o adeguare le infrastrutture di rete Lan/Wlan, finanziati a valere sulle risorse del Pon «Per la scuola: competenze e ambienti per l'apprendimento» Fesr, che potranno contribuire a ridurre le richieste che dalle scuole continuano a pervenire ai Comuni i quali, pur non obbligati, spesso si impegnano a sostenere tali spese nell'interesse della qualità dell'offerta formativa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA