Home  › Servizi pubblici

Nella riforma delle partecipate rispunta la soglia minima di fatturato a un milione

di Gianni Trovati

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Arriva alle Camere il testo finale della riforma delle partecipate, con una sorpresa che rischia di sollevare nuove obiezioni dal Parlamento. Nelle bozze circolate nei giorni scorsi erano state accolte le indicazioni con cui le commissioni chiedevano di rivedere i parametri di fatturato e risultati che imporrebbero l'alienazione o la chiusura delle società. L'asticella del fatturato minimo nel triennio era scesa da un milione a 500mila euro, e quella che condanna le società in perdita in quattro degli ultimi cinque anni era stata corretta con l'esclusione dal calcolo del "rosso" che non raggiunge il 5% del fatturato, ma nel testo inviato ieri si torna in entrambi i casi alla vecchia versione, più rigida. Ora le Camere avranno 10 giorni per il parere definitivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA