Home  › Personale

Firmato il decreto: al via aumento da 125 euro per la borsa dei dottorandi

di Marzio Bartoloni

Dopo 10 anni i dottorandi conquistano un atteso aumento della borsa che passa da 1000 euro netti al mese a 1.132 euro. La ministra Valeria Fedeli ha firmato il decreto (il Dm 40 del 25 gennaio) con cui entra in vigore l’aumento dell'importo minimo della borsa di dottorato previsto dall’ultima legge di bilancio che per questo motivo ha stanziato 20 milioni.

Cosa prevede il decreto
Il decreto appena firmato dalla ministra Fedeli stabilisce che a decorrere dal primo gennaio di quest’anno l’importo annuo della borsa per la frequenza ai corsi di dottorato di ricerca, attualmente fissato a 13.638,47 viene portato a 15.343,28 «al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente», spiega l’articolo 1 del decreto. Il testo all’articolo 2 specifica inoltre che resta valido l'incremento del 50% dell'importo della borsa di dottorato «in proporzione ed in relazione ai periodi di permanenza all’estero presso università o istituti di ricerca». Il decreto fissa così l'importo netto della borsa di dottorato a 1132,72 euro mensili, con un aumento di €125,86 rispetto alla rata mensile stabilita in precedenza. Gli atenei italiani dovranno adeguarsi sin da subito alle nuove norme

La reazione dei giovani ricercatori
Per l’Adi, l’associazione dei dottori e dottorandi italiani, si tratta di «un grande risultato e una giornata storica per i dottorandi, che ottengono un importante riconoscimento del valore del proprio percorso formativo e di lavoro. Era da 10 anni che la borsa di dottorato non veniva aumentata a livello nazionale, quando nel 2008 grazie a una campagna dell’Adi - ricorda la stessa associazione - l'importo minimo era stato portato da 800 euro a poco più di mille euro». «Oggi festeggiamo questa vittoria, ma da domani torniamo al lavoro. L'aumento attuale infatti continua ad essere inferiore (per poco più di 200 euro all'anno!) al minimale contributivo Inps (15.548) per il riconoscimento dell'intera annualità della borsa di dottorato». Anche per Giulio Fomenti, rappresentante dei dottorandi della Statale di Milano e tra i promotori del Comitato per la valorizzazione del Dottorato di Ricerca si tratta di «una vittoria storica». «Va reso merito alla ministra - spiega Fomenti - di aver saputo interpretare un'esigenza dei giovani del nostro Paese essenziale per rilanciare la ricerca italiana. I rettori, ai quali adesso chiediamo una ricezione tempestiva del decreto attuativo nei rispettivi Atenei, non sono stati da meno. Oggi è un giorno di festa per la comunità universitaria italiana».


© RIPRODUZIONE RISERVATA