Home  › Personale

Pubblico impiego, domani a Roma 25 sindacati per il rinnovo dei contratti

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Pubblico6Tu, ContrattoSubito, confermata la manifestazione nazionale domani a Roma dove i lavoratori dei servizi e dei settori pubblici si troveranno per rivendicare il diritto al rinnovo dei contratti nazionali, dopo sei anni di blocco della contrattazione.

Oltre 25 sigle, in rappresentanza di scuola, sanità, funzioni centrali, servizi pubblici locali, sicurezza e soccorso, università, ricerca, Afam e privato sociale, manifesteranno da piazza della Repubblica, dove alle ore 12 è previsto il concentramento, a piazza Madonna di Loreto a Roma, nei pressi di piazza Venezia, dove si terranno i comizi finali, tra gli altri, dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

Una giornata di mobilitazione, spiegano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa, «per lanciare un messaggio al Governo: se davvero vuol cambiare il paese non può lasciare i settori e servizi pubblici a un destino di abbandono. Una tendenza da invertire attraverso il contratto e non con le imposizioni legislative: la sola via per un cambiamento vero che investa su professionalità e competenze e che migliori i servizi ai cittadini».

La mobilitazione è partita a fine ottobre quando i 300 milioni previsti dalla legge di stabilità erano stati accolti come una «provocazione» per i sindacati che hanno quantificato in circa 12 euro l'aumento a regime previsto dal Governo (si veda l'articolo pubblicato sul Quotidiano degli enti locali e Pa del 28 ottobre 2015).

I sindacati avevano confermato la giornata di sabato prossimo anche a metà novembre, in occasione dell'accordo sullo sblocco da parte del Governo delle risorse destinate ai premi di produttività e, quindi, per la costituzione dei Fondi unici di amministrazione (Fua) destinati al salario accessorio dei ministeriali nel 2015 (si veda anche l'articolo pubblicato sul Quotidiano degli enti locali e Pa del 13 novembre 2015).


© RIPRODUZIONE RISERVATA