Quesiti  › Personale

L'interruzione del congedo straordinario

di Anci

LA DOMANDA Una dipendente ha chiesto ed ottenuto il congedo di un anno per assistere la zia ai sensi dell'articolo 42, comma 5, del Dlgs n.151/2001, per effetto anche della sentenza Corte costituzionale, essendo l'unico parente di 3° grado in grado di prestare l'assistenza alla stessa. Ha dichiarato che l'unico parente legittimato di 1° grado, nel caso la sorella, era affetta da patologie invalidanti. A distanza di mesi ha chiesto il rientro in servizio, "essendo venute a mancare le esigenze di assistenza urgente e continuativa", non aggiungendo altra motivazione. L'ufficio esprime perplessità in ordine alla richiesta di rientro in servizio, riportandosi alle dichiarazioni della dipendente, circa l'esigenza di prestare l'assistenza alla parente essendo l'unica in grado di assisterla. Ciò premesso si chiede se sia sufficiente la semplice richiesta di rientro in servizio e se l'ufficio possa negarla.

Quotidiano Enti Locali & PA – Il Sole 24 Ore

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Enti Locali & PA è il nuovo giornale online dedicato ai protagonisti delle Autonomie locali e della Pubblica amministrazione.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito quattro settimane di consultazione gratuita*

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?