Home  › Fisco e contabilità

Il programma comunitario 2014/2020 nei territori leader

di Maria Carla Manca (*) - Rubriuca a cura di Ancrel

L’organo di revisione è diventato l’attore principale nella verifica dei dati a bilancio dell’ente pubblico e/o società partecipate a esso collegate per quanto concerne la gestione di programmi comunitari nei territori leader.
Nuove tipologie di controlli mirate a una prima verifica volta al riconoscimento della spesa, ma soprattutto focalizzate alla sana gestione dell’ente e delle sue partecipate. Il caso specifico e un esempio, lo ritroviamo nella gestione dei Gruppi di Azione Locale, quale società partecipata dagli enti pubblici, ove la funzione del revisore si accentra su specifiche professionalità in materia di fondi comunitari e appalti, finalizzate a una corretta verifica delle somme a bilancio corrispondenti alle fasi progettuali ed ai costi correlati.

Riferimenti normativi
I principali riferimenti normativi fanno parte del regolamento Ue n. 1303/2013 recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.
Il Feasr (Regolamento Ue n. 1305/2013) quale strumento finanziario comunitario che, agendo in modo complementare alle politiche di sostegno dei mercati nell’ambito della politica agricola comune, è finalizzato alla promozione dello sviluppo rurale attraverso il miglioramento della competitività dei settori agricoli e forestali, miglioramento dell’ambiente e del paesaggio rurale, miglioramento della qualità della vita e diversificazione dell’economia rurale.
Le linee guida sull’ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale 2014-2020 approvate in conferenza Stato Regioni in data 11/02/2016.

Principi generali di controllo sull'ammissibilità delle spese Fondi Sie
Dagli strumenti di programmazione e gestione dei Fondi comunitari 2014/2020, il Regolamento Ue n. 1303/2013 reca disposizioni sui Fondi Sie «Fondi strutturali d'investimento europei» e contestualmente sono dettate le norme sull'ammissibilità delle spese. Nel combinato disposto dell'articolo 67 del regolamento Ue n. 1303/2013 le sovvenzioni sono suddivise in:
• costi reali , quali rimborso dei costi effettivamente sostenuti;
• costi semplificati, rimborso sulla base di tabelle standard.
Le operazioni realizzate dagli enti pubblici e società partecipate (esempio Gal) devono garantire il rispetto delle norme sugli appalti Dlgs 50/2016, dai contratti di affidamento relativamente alla soglia comunitaria, alle procedure di selezione dei fornitori ed alle garanzie della ragionevolezza dei costi.

La verifica sulla congruità dei costi
Ai fini della dimostrazione della congruità dei costi sostenuti e della conseguente rimborsabilità della spesa, le spese relative all'acquisizione di beni e servizi devono essere ragionevoli, giustificate e conformi ai principi di sana gestione finanziaria volte al concetto di economicità e di efficienza.
Ne discende che dovrà essere adottata la procedura basata sul confronto tra almeno tre preventivi di spesa acquisiti da fornitori differenti, procedendo alla scelta di quello che rispetti determinati parametri tecnico-economico e di conseguenza ritenuto più idoneo.

La documentazione
L’organo di revisione deve acquisire la seguente documentazione:
• procedure tecnico-amministrative emanate dall’Autorità di gestione (nella maggior parte dei casi è la Regione di appartenenza);
• piani d’azione (P.d.A.) quale strumento strategico-finanziario approvato dalla Regione di appartenenza per porre in essere le azioni sullo sviluppo locale;
• regolamenti Ue;
• verbali del Cda relativamente alle delibere sugli impegni di spesa, bandi di gara e procedure in attuazione del codice sugli appalti
• determine e/o altri atti emanati dalla Regione di appartenenza a supporto delle procedure di attuazione.
Ci sono poi le verifiche mirate volte a minimizzare i rischi. Si tratta di corrispondenza dei dati a bilancio con i valori presentati a rendicontazione nel 1 S.A.L; controllo del verbale del soggetto istruttore inerente l'esito della rendicontazione; controllo della corrispondenza dell'effettivo provvedimento di liquidazione e verifica incrociata con i dati a bilancio; eventuale iscrizione in bilancio per accantonamenti o passività potenziali inerenti il mancato riconoscimento della spesa; verifica a campione dei costi del personale e dei modelli F24 (se sussiste una compensazione) se corrispondono ai valori a rendicontazione; verifica sulla eventuale commistione di altre attività ai fini Iva non riconducibili al programma comunitario e altre tipologie di controllo relative al monitoraggio del progetto.

(*) Presidente Ancrel Oristano

****

VERBALE DELL’ORGANO DI REVISIONE SUL CONTROLLO DEL PROGRAMMA COMUNITARIO

Spett.le
Ente/Società Partecipata

L'anno………………….il giorno………alle ore………………..presso la Ente/Soc. Partecipato, il sottoscritto Organo di Revisione, nelle persone di………………….., ha proceduto al controllo dei dati a bilancio in relazione alla corrispondenza della rendicontazione “S.A.L. n……del ……” presentata il ………..al soggetto Regione/……….domanda di pagamento N………………;

Assiste alle operazioni il Responsabile Amministrativo e Finanziario Dott./Dott.ssa………………………

Acquisite/o

 Le procedure tecnico-amministrative;

 Il Piano di Azione;

 I Regolamenti UE N. 1303/2013 e N. 1305/2013;

 I verbali del C.d.A. N……del…….;

 Determine regionali N…….del………;

Rilevata/o

 la corrispondenza dei dati a bilancio con i valori presentati a rendicontazione del 1 S.A.L. N…….del…….;

 l'esito positivo del verbale del soggetto istruttore 1 livello sulla rendicontazione del 1 S.A.L. N…….del……;

Visto

 il provvedimento di liquidazione da parte del soggetto pagatore (es. Agea) pari ad € ……………………a valere sulla domanda di pagamento N………del……..S.A.L. N. 1;

 il relativo accredito delle somme presso il c.c. bancario n……….per l'importo di € ………………………;

Atteso

Che la procedura sul 1 S.A.L. sulla domanda di pagamento N……..del …………..si è conclusa con esito positivo. A tal fine, non essendovi altro da richiedere, la seduta è sciolta alle ore …….previa lettura, redazione e trascrizione del presente verbale da allegare al fascicolo documentale “Progetto Comunitario XXXX”.

L'Organo di Revisione


© RIPRODUZIONE RISERVATA