osservatorio anci-ifel

Spesometro, esonero per le amministrazioni pubbliche per l'anno 2016

a cura degli Uffici Ifel

L'Agenzia delle Entrate, con provvedimento n. 68495 del 6 aprile 2017, ha deliberato l'esclusione dall'obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva per l'anno 2016 a carico delle amministrazioni pubbliche, come richiesto anche dall'Anci lo scorso 17 marzo.

L’esonero
L'esonero dall'obbligo è conseguente all'introduzione, a partire dal 31 marzo 2015, della fattura elettronica, grazie alla quale tutti gli acquisti delle pubbliche amministrazioni sono tracciati e dalle disposizioni previste dalla legge di stabilità 2015 in materia di scissione dei pagamenti (split payment) a seguito delle quali le pubbliche amministrazioni, anche se non rivestono la qualità di soggetto passivo dell'imposta sul valore aggiunto, sono tenute a versare direttamente all'erario l'imposta che in fattura è stata addebitata loro dai fornitori.
Pertanto, in un'ottica di semplificazione degli adempimenti di natura tributaria e al fine di non gravare di ulteriori incombenze gli enti pubblici, l'Agenzia delle Entrate ha disposto che le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, nonché le amministrazioni autonome, sono escluse dalla comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva per l'anno 2016.


© RIPRODUZIONE RISERVATA