osservatorio anci-ifel

Decaro: «Sul "fondone" necessari approfondimenti, bene riparto fondo Tpl ma serve tavolo politico»

di Emiliano Falconio

«Il governo ha proposto il rinvio, che noi abbiamo accolto, perché il cosiddetto "fondone" da tre miliardi necessita di ulteriori approfondimenti su riparti non ancora pronti. Non avremmo potuto dare parere positivo poiché ci sono ancora partite aperte, tipo quella riguardante l'Ici e l'Imu e quella sui fondi su cui pendono sentenze. L'interlocuzione resta quindi aperta». Così il presidente Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, al termine della riunione di Conferenza Unificata svoltasi ieri pomeriggio al ministero per gli Affari regionali.

Il fondo Tpl
Parlando con i giornalisti, Decaro ha poi riferito dell'intesa data da Anci sul fondo da circa cinque miliardi di euro del trasporto pubblico locale su cui però «Anci – ha rimarcato il Presidente – ha chiesto un tavolo politico sulle politiche nazionali che si intendono mettere in atto, prima fra tutte la stabilizzazione del fondo stesso che non può dipendere dalle accise su carburanti. Se così fosse – ha spiegato il sindaco di Bari – ci troveremmo di fronte al paradosso che mentre noi spostiamo quote di utenti dal trasporto privato a quello pubblico, con minor utilizzo dell'auto propria, ci sarebbe meno consumo di carburante, quindi meno accise e quindi meno finanziamenti. È un paradosso da superare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA