Home  › Fisco e contabilità

I controlli preliminari incrociati dei dati Siquel e Sirtel

di Maria Carla Manca (*) - rubrica a cura di Ancrel

I questionari trasmessi alla Corte dei conti attraverso il sistema Siquel concernenti i dati «Consuntivo 2014», sono stati un maggior controllo da parte del revisore alla luce dell'incrocio degli stessi sul sistema Sirtel. Attraverso i diversi step sono emerse criticità che hanno determinato una maggiore attenzione di «analisi di revisione all'interno dell'ente» viste le rilevazioni e le incongruenze riscontrate dalla Corte dei conti, anche se di piccola entità. Dalle varie richieste di chiarimento da parte dei magistrati istruttori della Corte dei conti, l'organo di revisione è stato attore principale nella fase dei rapporti collaborativi finalizzati alla chiusura in archiviazione dei dati a sistema.

Questionari – Articolo 1, commi 166 e seguenti, della Legge 23 dicembre 2005 n. 266
Sono trascorsi diversi anni dall'entrata in vigore della legge 23 dicembre 2005 n. 266, articolo 1, commi 166 e seguenti, ove la figura del revisore è stata attore principale sulla verifica effettiva di controllo dei dati all'interno della contabilità dell'ente, finalizzata alla relativa trasmissione dei questionari alla Corte dei conti attraverso il sistema Siquel. Tutto il processo ha comportato un rapporto collaborativo con i funzionari e i magistrati delle varie sezioni di controllo e ha rappresentato per l'organo di revisione un'attenzione particolare alle varie attività espletate nel corso dell'anno, posto che nella fase di compilazione del questionario è doveroso collaborare attivamente con il responsabile del servizio finanziario.

Controlli incrociati sistema Siquel e Sirtel – Due banche dati
Il potenziamento dei controlli sui trend dei dati trasmessi con i questionari nel sistema Siqyel ha determinato per quanto concerne la chiusura del consuntivo 2014 un incrocio degli stessi sulla banca dati Sirtel.
Il revisore si è sempre soffermato e ha ritenuto che quanto trasmesso alla Corte dei conti sul sistema Siquel potesse essere un «sigillo» per l'archiviazione del questionario sul rendiconto e purtroppo in alcuni casi non si è preoccupato di controllare la veridicità dei dati trasmessi sul sistema Sirtel da parte dei funzionari degli enti locali.
La sezione di controllo della Corte dei conti, attraverso varie richieste di chiarimentI trasmesse al sindaco dell'ente e per conoscenza all'organo di revisione, ha rilevato attraverso i «due incroci» delle incongruenze che hanno determinato la riapertura del questionario e le conseguenti note di risposta attraverso un nuovo invio.
Alla luce dei vari controlli effettuati dalla sezione regionale della Corte dei conti sulla compilazione dei questionari «Consuntivo 2014», emerge una situazione che pone in evidenza la professionalità di funzionari e magistrati che di fatto guidano l'organo di revisione a svolgere al meglio la propria funzione.

I Controlli Questionario 2015 Sirtel/Siquel
Allo stato attuale i revisori sono impegnati a redigere il questionario Siquel relativo al «Rendiconto 2015», e rilevata la complessità dei dati per il relativo controllo a concordanza con le diverse tabelle, emerge chiaramente che il primo step concerne la verifica dei dati a sistema Sirtel.
1 Verifica quadratura dati Sirtel/Siquel consuntivo precedente 2014
Il primo controllo concerne la visura della scheda riepilogativa dell'ente dei dati Sirtel ove si evince la congruenza e non con il questionario Siquel dell'esercizio precedente consuntivo 2014.

2 Verifica d ati Sirtel consuntivo 2015
Il secondo controllo concerne la verifica dell'invio dei dati a sistema Sirtel (certificati dall'organo di revisione).
Nel caso in cui non risultassero disponibili i dati a sistema, risulta importante predisporre spevifica comunicazione all'ente prima del controllo e la compilazione del questionario Siquel consuntivo 2015.

3 Verifica – Incrocio dati SirtBilanciel/Siquel 2015
Il terzo controllo di rilevante importanza, concerne l'incrocio dei dati Sirtel con i dati già precompilati a sistema Siquel, nonché verifica incrociata delle tabelle a concordanza.
Le tre verifiche sono volte a non incorrere in errori e minimizzare le diverse richieste della sezione di controllo della Corte dei conti, su eventuali squadrature e successive asseverazioni dell'organo di revisione sull'attendibilità dei dati dichiarati Siquel o Sirtel.
È possibile accedere al sistema Sirtel con le stesse credenziali.

(*) Presidente Ancrel Oristano


© RIPRODUZIONE RISERVATA