Home  › Fisco e contabilità

Fondo di solidarietà 2016, altri 31,3 milioni a copertura dei tagli Imu/Tasi

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Pronta una prima integrazione delle somme spettanti ai Comuni per i minori gettiti derivanti dalle agevolazioni Imu e Tasi previste per il 2016 dalla legge di stabilità 208/2015. Il calcolo e la ripartizione di questa ulteriore quota del Fondo di solidarietà comunale 2016 è stata stabilita con il decreto del ministero dell'Interno 27 settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 ottobre 2016 n. 231 che contiene in allegato l'elenco degli enti beneficiari.

La quota ripartita
Ai Comuni delle Regioni a statuto ordinario, della Regione siciliana e della Sardegna è corrisposta un'ulteriore quota a titolo di Fondo di solidarietà comunale per l'anno 2016 pari complessivamente a 31.274.413,00 euro, a valere sulla quota non ripartita del Fondo di cui all'articolo 5, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 18 maggio 2016, pari a 75.173.143,78 euro.

La somma rimanente
Con il decreto in esame si procede quindi a una prima integrazione delle somme spettanti, in particolare per ciò che riguarda il ristoro dell'esenzione Tasi sull'abitazione principale, per un importo complessivo di oltre 30 milioni. La quota rimanente, pari a euro 43.898.730,78, verrà successivamente ripartita al fine di integrare e rettificare il contributo erogato per tutte le fattispecie previste dall'articolo 1, commi da 10 a 16 e commi 53-54, della legge 208/2015. In quella sede si procederà anche a una verifica finale degli importi già erogati con un conguaglio finale, nell'ambito delle risorse complessivamente stanziate e il recupero delle eventuali somme eccedenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA