osservatorio anci-ifel

Stato città: diritti di rivalsa, accolte le richieste dell'Anci

di Redazione Anci

Criteri di rateizzazione per il diritto di rivalsa dello Stato nei confronti dei Comuni condannati con sentenza esecutiva dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo. È questo il principale punto discusso ieri nella Conferenza Stato-Città, a cui per Anci hanno partecipato Il presidente del Consiglio nazionale e sindaco di Catania, Enzo Bianco e il vicepresidente Anci e sindaco di Valdengo, Roberto Pella. L'Associazione ha espresso parere favorevole ad un provvedimento voluto e proposto dall'Associazione, per evitare a molti Comuni interessati seri problemi di bilancio.

Per Anci l'accordo costituisce così uno strumento importante, poiché sancisce modalità di recupero applicabili a tutte le azioni di rivalsa esercitate dallo Stato nel caso di sentenze di condanna, nello specifico collegate in massima parte a vizi dei procedimenti di esproprio per pubblica utilità. L'accordo consente, inoltre, di prevenire un contenzioso potenzialmente elevato a causa dell'impatto finanziario dovuto dal recupero delle somme.

Tra i punti qualificanti dell'intesa, hanno rimarcato i rappresentanti Anci, è utile ricordare la condizione di maggior favore attribuita agli enti in dissesto o predissesto, ai quali viene applicata la regola della seconda classe successiva di maggior rateizzazione; l'applicazione anche nei casi di coobbligazione con altri enti, previa determinazione della quota a ciascuno di essi spettante; l'applicazione dello schema al complesso delle sanzioni derivanti da più sentenze di condanna e la facoltà dell'ente di restituire in unica soluzione gli importi dovuti.

Inolitre in sede tecnica è stata condivisa l'ipotesi, formulata dall'Anci, di introdurre un criterio di rateizzazione basato sul rapporto tra gli importi da restituire a titolo di sanzione e l'ammontare medio delle entrate correnti desumibili dagli ultimi consuntivi disponibili, come rappresentatoin questa tabella. Inoltre l'Anci ha ricordato che la disciplina del diritto di rivalsa dello Stato italiano nei confronti di Regioni, province autonome, enti territoriali o altri enti pubblici responsabili di violazioni del diritto dell'Unione europea, è contenuta nell'articolo 43 della legge n. 234 del 2012.


© RIPRODUZIONE RISERVATA