Home  › Fisco e contabilità

Fondi 2016, rettifiche sui numeri per la mobilità dell'ex agenzia dei segretari

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Arriva la rettifica della direzione centrale della finanza locale del Viminale sull'importo della riduzione per mobilità ex Ages contenuto nello schema di calcolo del Fondo di solidarietà comunale. In un comunicato pubblicato sul sito istituzionale, la Direzione ha reso noto che per un numero limitato di Comuni - sono poco più di 200 nell'allegato che contiene anche i valori corretti da inserire in bilancio - è stato riscontrato un disallineamento informatico dei dati relativi all'importo della riduzione per mobilità ex Ages (articolo 7, comma 31-sexies, del Dl 78/2010), divulgato nello schema di calcolo del Fondo di solidarietà comunale e dati utili per il bilancio 2016.

La ex Ages
Si tratta dell'Agenzia autonoma per la gestione dell'albo dei segretari comunali e provinciali soppressa in sede di conversione del Dl n. 78 del 2010. Contestualmente all'abrogazione del fondo finanziario di mobilità, l'articolo 7, comma 31-sexies, del Dl 78/2010 ha istituito un sistema di riduzione dei contributi ordinari delle amministrazioni provinciali e dei comuni.

Lo schema di calcolo del Fondo di solidarietà comunale
Alla fine di marzo, in attesa del perfezionamento del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di formalizzazione dei criteri di alimentazione e riparto del Fondo di solidarietà comunale 2016, la Finanza locale aveva predisposto un prospetto analiticoche permetteva a ciascun Comune di cominciare a fare i conti con gli adempimenti, consultando l'ammontare della spettanza 2016 a titolo di Fondo di solidarietà comunale e la procedura di calcolo seguita per la determinazione della stessa.

Verifica e variazione
Sull'ex Ages però qualcosa si è «disallineato» e ora la Direzione invita tutti i Comuni a verificare che il dato riportato nel prospetto di calcolo del Fondo di solidarietà comunale 2016, attualmente aggiornato alla data del 1° giugno 2016, corrisponda a quello che è stato iscritto in bilancio, in caso contrario si invita a provvedere alla variazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA