Home  › Fisco e contabilità

Pareggio di bilancio, scambio «orizzontale» degli spazi finanziari al via - Domande e offerte entro il 15 giugno

di Gianni Trovati

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

La Ragioneria generale avvia il meccanismo telematico per lo scambio «orizzontale nazionale» per chi è in difficoltà nel raggiungere il pareggio di bilancio. Il meccanismo, che replica nel nuovo quadro dei vincoli di finanza pubblica il vecchio Patto orizzontale, è previsto dal comma 732 dell'ultima manovra. Gli enti locali che prevedono problemi nel raggiungere l'obiettivo del pareggio, e che quindi hanno bisogno di ottenere aiuti dagli altri Comuni, hanno tempo fino al 15 giugno per chiedere gli spazi finanziari di cui hanno bisogno. Entro lo stesso termine i Comuni che prevedono un surplus devono comunicare le quote che intendono "cedere" agli enti in difficoltà: il tutto attraversoil sito del pareggio di bilancio gestito da Via XX Settembre
Il termine del 15 giugno è perentorio, per consentire alla Ragioneria generale di mettere a confronto domande e offerte per misurare la percentuale delle richieste che sarà possibile soddisfare. I dati saranno resi disponibili dalla Ragioneria entro il 10 luglio, con un aggiornamento automatico dei saldi obiettivi di ogni ente all'interno del sistema telematico del pareggio di bilancio. Chi ottiene i bonus, che vanno utilizzati solo per impegni di spesa in conto capitale, li dovrà ripagare nei prossimi due anni, sotto forma di un peggioramento del saldo obiettivo pari ogni anno al 50% degli spazi ottenuti: in modo speculare, chi cede avrà un miglioramento dell'obiettivo pari ogni al 50% di quanto messo sul piatto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA