osservatorio anci-ifel

Isee: bene provvedimento d'urgenza del Governo, preoccupazione per fase transitoria

di Redazione Anci

Anci esprime apprezzamento - e ringrazia in particolare il ministro Poletti - per la scelta del Governo di intervenire con un provvedimento d'urgenza, come richiesto dall'Associazione, attraverso un emendamento al Dl 42 sulla "scuola bella", per recepire le sentenze del Tar Lazio confermate dal Consiglio di Stato e rivedere lo strumento dell'Isee per i nuclei familiari con disabili.

L'Associazione si augura che il provvedimento d'urgenza sia seguito da una seconda fase di rapida e complessiva revisione dello strumento, in chiave maggiormente selettiva ed equa.

Qualche preoccupazione permane, da parte dei Comuni, a causa dei maggiori oneri per le amministrazioni locali derivanti dall'intervento normativo, e a causa del termine di 30 giorni dalla conversione del decreto legge per adeguare i regolamenti comunali. Per questo motivo, Anci ha richiesto a Inps un supporto formativo e una facilitazione nell'estrazione massiva di dati dalla banca dati Isee. Infine, Anci esprime forte preoccupazione per la mancata previsione, nel provvedimento, della disciplina per la gestione della fase che va dalle sentenze del Tar Lazio a quelle del Consiglio di Stato, in chiave di tutela degli enti locali dai ricorsi; disciplina utile anche a garantire la sostenibilità nell'erogazione dei servizi al cittadino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA