Home  › Fisco e contabilità

Beni e servizi, al via la rilevazione online dei fabbisogni 2016 per i ministeri

di Roberta Giuliani

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Buoni pasto, carta, divise, carburanti, ma anche consulenze e utenze oltre che mezzi di trasporto, mobili, arredi e opere di manutenzione straordinaria: è partita la previsione dei fabbisogni per ministeri e uffici periferici per il 2016. Dal 18 febbraio al 19 marzo è in funzione il sistema informativo Scai (Sistema ciclo acquisti integrato) della Ragioneria dello Stato che consente di inviare la rilevazione annuale degli acquisti di beni e servizi delle amministrazioni come prevista dal comma 569 dell'articolo 2 della Finanziaria 2008 (legge 244/2007).
Oltre a valutare complessivamente i fabbisogni di beni e servizi, anche per eliminare duplicazioni e sprechi, un altro obiettivo della rilevazione è quello di verificare «ex ante» la coerenza degli acquisti con le disponibilità finanziarie e l'ottenimento di economie di scala attraverso l'utilizzo degli strumenti del Programma di razionalizzazione delle spese della Pa.

La rilevazione
Entro 30 giorni a partire dal 18 febbraio 2016, le Pa centrali e periferiche - a esclusione di istituti e scuole di ogni ordine e grado e istituzioni educative e universitarie – potranno effettuare la rilevazione utilizzando il sistema Scai con il modulo Paf (Previsione annuale dei fabbisogni). Le modalità per procedere alla rilevazione sono riportate nella "Guida Operativa" realizzata da Mef, Rgs, AcquistInRete e Sicoge.
La previsione dei fabbisogni, che deve essere formulata per tutti i beni e servizi per il cui acquisto si applica il Codice dei contratti pubblici (Dlgs 163/2006) deve essere:
• espressa in valore economico (compresa Iva) e trovare coerenza con gli stanziamenti di bilancio;
• espressa a livello di Centri di responsabilità;
• riferita alla totalità dei beni e servizi da acquistare ivi compreso l'acquisto realizzato nell'ambito delle risorse stanziate per spese di investimento;
• ricondotta al terzo livello del Piano dei conti della contabilità economica analitica dello Stato previsto dal Dlgs n. 279/1997 e aggiornato con Dm n. 66233/2007.
Due le figure che dovranno operare nell'ambito della rilevazione:
- il Compilatore, responsabile della raccolta e compilazione dei fabbisogni per il Centro di responsabilità (Cdr) di competenza, su disposizione del Referente;
- il Referente, responsabile del Cdr o un suo diretto delegato che deve effettuare la validazione in quanto responsabile della previsione annuale dei fabbisogni per il Cdr di competenza.
Per ogni Cdr esisterà un solo profilo di compilatore e referente.
Il sistema consente di inserire importi di fabbisogno superiori agli stanziamenti dei capitoli di bilancio ma a ogni inserimento verrà inviato un avviso per il disallineamento tra fabbisogno e stanziamenti e al momento della validazione dovranno essere indicate le risorse disponibili sul bilancio che s'intendono utilizzare per la copertura del fabbisogno eccedente lo stanziamento affinché venga inalterato il totale complessivo delle risorse assegnate dalla legge di bilancio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA