Home  › Fisco e contabilità

Cdp agli enti territoriali: entro il 1° dicembre le richieste di rimborso e riduzione dei prestiti

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Gli enti territoriali hanno tempo fino al 1° dicembre per richiedere rimborsi anticipati o riduzione dei prestiti. La Cassa depositi e prestiti ha comunicato il termine per l'invio delle richieste di Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni in un avviso alla clientela pubblicato ieri sul sito istituzionale.

I rimborsi anticipati
Per quanto riguarda le richieste di rimborso di prestiti in essere al 31 dicembre 2015, queste dovranno essere complete della deliberazione di Consiglio che autorizza l'operazione di rimborso anticipato, esecutiva ai sensi di legge.
Sarà possibile richiedere il rimborso anticipato parziale dei prestiti ordinari in ammortamento e a totale carico dell'ente beneficiario che, alla data del 1° dicembre 2015, risultino integralmente erogati.
Nel caso di estinzione anticipata parziale, la delibera di Consiglio dovrà contenere, per ciascuna posizione di mutuo, l'esatto importo della quota di debito residuo da estinguere. Fermo restando il pagamento della rata in scadenza alla data del 31 dicembre 2015 con le modalità usuali, la Cdp invierà agli enti che hanno presentato domanda, una comunicazione con l'indicazione delle modalità per effettuare il rimborso anticipato e degli importi dovuti.

Riduzione dei prestiti
Relativamente alle domande di riduzione dell'importo nominale dei prestiti, per la rideterminazione dei piani di ammortamento corrispondenti, queste avranno effetto dal 1° gennaio 2016.
Le domande di riduzione pervenute dopo la scadenza del 1° dicembre 2015, saranno istruite da Cassa depositi e prestiti con effetto dal 1° luglio 2016.


© RIPRODUZIONE RISERVATA