Home  › Fisco e contabilità

Imu agricola 2014, ecco le compensazioni

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Viaggia versa la Gazzetta per la pubblicazione ufficiale, il decreto del Ministro dell'Interno, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze con le variazioni compensative delle risorse dovute alle modifiche apportate al regime di esenzione Imu dei terreni agricoli, per l'anno 2014.
Ne ha dato notizia ieri, con un comunicato stampa, la Direzione centrale della finanza locale del Viminale.
La ripartizione effettuata in base al decreto legge 24 gennaio 2015 n. 4 convertito dalla legge 24 marzo 2015 n. 34 è stata rideterminata sulla base della verifica del gettito Imu per l'anno 2014, secondo una metodologiacondivisa con l'Anci sentita la conferenza Stato-città ed autonomie locali nella seduta del 16 luglio 2015.
Le variazioni compensative di risorse interessano circa 2.400 Comuni. Gli importi, sia a debito che a credito, sono indicati per ciascun Comune nell'allegato del provvedimento, fermo restando l'ammontare complessivo pari a 230.691.885,53 euro.

Il Fondo Imu-Tasi
Sulla Gazzetta Ufficiale del 28 ottobre 2015, intanto è stato pubblicato il decreto del ministero dell'Interno 22 ottobre 2015 con le quote di attribuzione ai Comuni e di ripartizione del contributo di 530 milioni di euro in relazione ai gettiti standard e effettivi dell'Imu e della Tasi che tiene conto anche di questa verifica del gettito per l'anno 2014 sui terreni montani (si veda l'articolo pubblicato sul Quotidiano degli enti locali e Pa di ieri). Una quota di 472,5 milioni del contributo complessivo di 530 milioni verrà attribuita a ciascun comune tenendo conto dei gettiti dell'Imu e della Tasi e la restante quota di 57,5 milioni viene ripartita tenendo conto della verifica del gettito dell'Imu dei terreni montani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA