Home  › Edilizia e appalti

Il danno da concorrenza va provato in concreto anche quando l'aggiudicazione è viziata dalle tangenti

di Giuseppe Nucci

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Nei reati di corruzione il danno alla concorrenza deve essere provato in quanto l'illegittimo affidamento di appalti o forniture in violazione delle norme sui procedimenti ad evidenza pubblica non comporta di per sé l’insorgenza di un danno patrimoniale. L’insorgenza di questa tipologia di danno, quindi, deve essere provato attraverso la differenza tra la spesa effettivamente sostenuta dall’Amministrazione e quella (minore) che, invece, avrebbe potuto ottenere assolvendo correttamente l’obbligo della procedura concorsuale.È questo il principio affermato dalla sentenza n. 83/2018 ...


Quotidiano Enti Locali & PA – Il Sole 24 Ore

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Enti Locali & PA è il nuovo giornale online dedicato ai protagonisti delle Autonomie locali e della Pubblica amministrazione.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito quattro settimane di consultazione gratuita*

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?