Home  › Edilizia e appalti

Gare, i termini per il ricorso scattano subito se il concorrente è presente

di Paola Rossi

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Il termine per impugnare l'esclusione e l'assegnazione provvisoria di una gara d'appalto decorre dal momento dell'apertura della busta se l'interessato è presente. Il ricorso è comunque inammissibile se non viene notificato all'aggiudicatario in quanto controparte necessaria nel procedimento giurisdizionale. Così il Consiglio di Stato fissa due importanti principi di diritto con la recente sentenza n. 3126/15 sull'impugnazione di una gara pubblica per l'affidamento del servizio di ristorazione in una Asl.

La vicenda
Nel caso specifico il ricorrente era presente, attraverso soggetti formalmente delegati, al seggio di gara in cui veniva disposta la sua esclusione in ragione dell'anomalia dell'offerta e contestualmente si procedeva all'aggiudicazione provvisoria ad altro concorrente. Ma la ditta esclusa ha impugnato il provvedimento di esclusione davanti al Tar solo a comunicazione formale compiuta e successivamente l'aggiudicazione provvisoria con motivi aggiunti. Il ricorso viene accolto con conseguente annullamento dell'aggiudicazione.
La ditta vincitrice ha poi proposto appello davanti al Consiglio di Stato per mancata declaratoria di inammissibilità del ricorso di primo grado per decorrenza dei termini. L'appellante ottiene ragione poiché la piena conoscenza dell'atto di esclusione fa scattare la decorrenza del termine decadenziale.

I principi affermati
Quindi conoscere il provvedimento e le motivazioni non giustifica l'attesa per ricevere la comunicazione formale prevista dall'articolo 79 del codice dei contratti pubblici. L'orientamento del Consiglio di Stato aderisce ai principi generali del processo amministrativo per cui c'è piena conoscenza dell'atto anche con mezzi diversi da quelli della comunicazione formale.
Inoltre, emerge dalla sentenza di appello un altro principio cui aderisce anche la Corte di cassazione: quando l'esclusione di un soggetto è contestualmente accompaganta dall'aggiudicazione provvisoria, l'impugnazione dell'esclusione interessa anche il soggetto aggiudicatario poiché incide anche sulla posizione di ques'ultimo. Quindi l'aggiudicatario, anche se provvisorio è il controinteressato nel ricorso del concorrente escluso. Per cui se, come nel caso specifico, il ricorso non viene notificato anche al controinteressato esso sarà inammissibile anche se si intende impugnare solo l'esclusione dalla gara.


© RIPRODUZIONE RISERVATA