Home  › Amministratori e organi

Il consigliere comunale può giustificare le assenze anche a posteriori

di Paola Rossi

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

La decadenza del consigliere comunale è estremo rimedio che va applicato in maniera rigorosa. Così il Consiglio di Stato con la sentenza n. 743/2017ha delineato un perimetro abbastanza ristretto per procedere all’estromissione dal consiglio ocmunale di coloro che senza preventiva giustificazione si assentino più volte dalle sedute consiliari. La decisione di Palazzo Spada afferma appunto che le assenze per mancato intervento dei consiglieri alle sedute del Consiglio comunale non devono essere giustificate di volta in volta, in via preventiva. Precisano i giudici che le giustificazioni possono essere fornite, anche dopo la notificazione all'interessato della proposta di decadenza. Ma si afferma anche che resta ferma l'ampia facoltà di apprezzamento del Consiglio comunale in ordine alla «fondatezza e serietà ed alla rilevanza delle circostanze addotte a giustificazione delle assenze».

Il presuppposto per l’estromissione
Il ragionamento alla base della decisione è che le circostanze da cui deriva la decadenza vanno interpretate «restrittivamente e con estremo rigore» dato che da essa consegue la limitazione all'esercizio di un munus publicum. Perciò, specificano i giudici, gli aspetti garantistici della procedura devono essere valutati con la massima attenzione: cioè scongiurando i casi di uso distorto dell'istituto della decadenza. Distorsioni che potrebbero determinare la sua efficacia come illegittimo strumento di discriminazione nei confronti delle minoranze politice, ad esempio.

L’assenza grave
La mancanza o l'inconferenza delle giustificazioni devono essere obiettivamente «gravi»: o perché affatto presentate o perché estremamente generiche e tali da impedire qualsiasi accertamento sulla loro fondatezza, serietà e rilevanza dei motivi.
Le assenze che danno luogo alla revoca del consigliere sono quelle che mostrano con ragionevole deduzione un atteggiamento di disinteresse per motivi futili o inadeguati rispetto agli impegni che l'incarico pubblico elettivo comporta.

La mancata presenza per protesta
Saltare le sedute del consiglio per agire una portesta di valore politico è un’evenienza e anche su questo punto il Consiglio di Stato ha chiarito che la protesta politica, dichiarata a posteriori, non è da considerare idonea a costituire valida giustificazione. Affinché l'assenza dalle sedute possa assumere la connotazione di protesta politica occorre che il comportamento e il significato della presa di posizione del consigliere comunale siano esternati al Consiglio o resi pubblici e in concomitanza all’estrema manifestazione di dissenso.

Legittimità della decadenza
Il Consiglio ha, infine affermato che è legittima la decadenza dalla carica di consigliere comunale per assenza ingiustificata, qualora la giustificazione addotta dall' interessato è talmente relegata alla sfera mentale soggettiva di colui che la adduce (come nel caso della protesta politica non altrimenti e non prima esternata), da impedire qualsiasi accertamento sulla fondatezza, serietà e rilevanza del motivo.

La decisione
La decisione che ha accolto il ricorso è motivata anche dal fatto che secondo il Consiglio di Stato, nel caso specifico, non andava trascurato che la precedente condotta del ricorrente non dimostrava affatto un atteggiamento di «disinteresse per motivi futili o inadeguati rispetto agli impegni con l'incarico pubblico elettivo», ma al contrario era emersa un’assidua e attiva partecipazione ai lavori consiliari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA