Home  › Amministratori e organi

Al Viminale riparte l’osservatorio su finanza e contabilità degli enti locali

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Vigilerà sulla corretta applicazione dei principi contabilità finanziaria degli amministratori locali. Con questo compito si è insediato ieri al Viminale, presieduto dal sottosegretario all'Interno Giampiero Bocci, l'osservatorio sulla finanza e la contabilità degli enti locali, recentemente ricostituito.
L'organismo, di cui fanno parte componenti delle amministrazioni centrali, enti locali e ordine dei professionisti, è stato istituito presso il ministero dell'interno nell'agosto 2014 e incardinato nell'ambito del Dipartimento per gli affari interni e territoriali - Direzione centrale della finanza locale, per promuovere la corretta e uniforme applicazione dei principi contabili, delle risorse finanziarie, strumentali e umane da parte degli enti locali.

Ruolo
Grazie alle analisi dei dati forniti dalla Direzione centrale della finanza locale, viene svolto il monitoraggio della situazione finanziaria e la verifica gli effetti prodotti dall'applicazione dei nuovi principi sull'equilibrio economico-gestionale degli enti locali. Tra i suoi compiti, inoltre, l'elaborazione di approfondimenti e pareri su questioni emerse nel corso delle conferenze Stato-Città e autonomie locali, e la proposta di eventuali modifiche normative per l'armonizzazione dei sistemi contabili.

Composizione
Ne fanno parte venti componenti con incarico triennale, provenienti dai ministeri dell'Interno, Economia e Finanze, degli Affari Regionali, delle Autonomie e lo Sport, dell'associazione nazionale dei comuni d'Italia (Anci), dell'unione delle provincie italiane (Upi), dell'ordine dei dottori commercialisti ed esperi contabili, dell'associazione nazionale dei revisori degli enti locali; professori e ricercatori universitari esperti in materie economico-finanziarie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA