Home  › Amministratori e organi

Speciale manovra/3 - Decadenza per il revisore se l'ente non certifica il rispetto dei saldi

di Gianni Trovati

Dall'anno prossimo, se il Comune o la Provincia non saranno tempestivi nel certificare il rispetto del nuovo obbligo di pareggio del saldo finale di competenza, il presidente del collegio dei revisori (o il revisore unico nei Comuni fino a 15mila abitanti) diventeranno commissari ad acta per rimediare in fretta al buco informativo. Ma se entro i successivi 30 giorni il certificato continuerà a mancare all'appello, scatterà la decadenza del revisore-commissario.

La sanzione
La legge di stabilità 2016 procede insomma in modo deciso sulla strada dell'affidamento di compiti aggiuntivi ai revisori dei conti e si aggrava lo sbilancio fra le responsabilità affidate ai professionisti e gli strumenti a disposizione per sostenerle. La nuova regola nasce dal cambio d'orizzonte impresso alla finanza locale dalla manovra. Il Patto di stabilità esce di scena, e al suo posto è previsto l'obbligo di rispettare il pareggio di bilancio in termini di saldo finale di competenza. La nuova impostazione dei vincoli di finanza pubblica, che poggia su un rinvio della legge 243/2012 sul pareggio di bilancio, cambia ovviamente anche le esigenze di controllo sul rispetto delle regole e gli strumenti per soddisfarle. In questo quadro, interviene la misura che punta a blindare le verifiche sugli andamenti della finanza pubblica locale. Resta da capire se, nella concreta realtà amministrativa, il revisore abbia gli strumenti per forzare la situazione, e in caso di inadempimento non rischi di essere l'unico a pagare, per di più per colpe non sue.

Le altre penalità
Per il resto, la manovra replica nel nuovo contesto il pacchetto delle sanzioni previsto finora per il mancato rispetto del Patto di stabilità, compreso il taglio del 30% dell'indennità di sindaco (o presidente nel caso di Province e Regioni) e assessori. La spesa corrente, in questi casi, non dovrà superare gli impegni dell'anno precedente a quello di riferimento, e si conferma il blocco di assunzioni e indebitamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA