Home  › Amministratori e organi

Autotrasporto, sei mesi «ponte» per trasferire gli albi alla Motorizzazione

di Daniela Casciola

Q
E
L Esclusivo per Quotidiano Enti Locali & PA

Approda in Gazzettail Dpcmcon le regole per il trasferimento delle funzioni per la tenuta degli albi provinciali degli autotrasportatori dalle Province agli uffici periferici del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti.
In base all'articolo 1, comma 94, della legge 147/2013 (legge di stabilità 2014), a decorrere dal 1° gennaio 2015, la gestione di queste articolazioni dell'Albo nazionale degli autotrasportatori - compresa la verifica della sussistenza dei requisiti per l'esercizio della professione di autotrasportatore come definiti dal regolamento CE 1071/2009 - avrebbe dovuto passare alla Motorizzazione civile, nell'ambito del Ministero dei trasporti. I tempi si sono allungati: il Dpcm è dell'8 gennaio ma è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale solo il 4 maggio 2015 (la n. 101). A partire da questa data decorrono sei mesi di tempo durante i quali secondo un accordo siglato. nelle more della pubblicazione sulla Gazzetta delle regole,e cioè il 23 aprile 2015 in sede di Conferenza Stato Città Autonomie Locali, Province e Città metropolitane gestiranno una sorta di periodo transitorio.

Le competenze della motorizzazione civile
In base alla nuova organizzaizone delle competenze, l'articolo 2 del Dpcm 8 gennaio 2015 stabilisce che gli uffici della Motorizzazione civile dovranno ricevere e istruire le domande delle imprese per l'iscrizione nell'Albo e decidere sul loro accoglimento; redigere l'elenco di tutti gli iscritti della provincia nell'Albo, eseguire tutte le variazioni e curarne la pubblicazione; accertare se permangono i requisiti per l'iscrizione nell'Albo; deliberare le sospensioni, le cancellazioni e i provvedimenti disciplinari previsti dalla normativa; curare l'osservanza, da parte dei propri iscritti, delle norme in materia di autotrasporto di cose per conto di terzi; promuovere, nell'ambito locale, anche d'intesa con le associazioni della categoria, lo sviluppo e il miglioramento del settore dell'autotrasporto di cose; esercitare ogni altro ufficio delegato dal comitato centrale; curare la tenuta e l'aggiornamento del registro elettronico nazionale.

I comitati interprovinciali
Nel provvedimento vengono disciplinati anche i comitati interprovinciali per l'Albo degli autotrasportatori con funzioni consultive. Ogni comitato, istituito all'interno di ogni Direzione generale territoriale del Dipartimento per i trasporti esprime pareri, non obbligatori né vincolanti, in ordine alle materie relative all'esercizio dell'attività di trasporto su strada.

Risorse umane e finanziarie
Fatte salve eventuali procedure di mobilità attivate su base volontaria, gli uffici della Motorizzazione civile eserciteranno le funzioni trasferite utilizzando il contingente di personale già assegnato ai rispettivi uffici. Le funzioni amministrative sono state trasferite senza oneri a carico della finanza pubblica e pertanto saranno esercitate con le risorse finanziarie previste «a legislazione vigente», costituite dalle risorse a suo tempo assegnate alle amministrazioni provinciali.

Periodo transitorio
Lo scorso 23 aprile 2015, in sede di Conferenza Stato Città Autonomie Locali, e nelle more della pubbblicazione in Gazzetta del Dpcm, è stato concluso un accordo che affida a Province e Città metropolitane la gestione del periodo transitorio. Per i sei mesi successivi alla data di pubblicazione del Dpcm sulla Gazzetta Ufficiale, Province e Città metropolitane dovranno completare l'istruttoria e i procedimenti di trasferimento avviati, su istanza o d'ufficio. Dovranno poi trasmettere ai competenti uffici della Motorizzazione dati e informazioni raccolti.
Inoltre, Province e Città metropolitane continueranno a generare gli attestati di idoneità professionale per la direzione, in qualità di gestore dei trasporti, di attività di autotrasporto di cose per conto di terzi.
Al termine del periodo massimo di sei mesi, le Province e le Città metropolitane procederanno alla consegna agli uffici periferici della Motorizzazione civile dei fascicoli relativi agli Albi provinciali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA